CONNECTED O O FUORI DELLA RETE : Differenze, vantaggi e svantaggi

CONNECTED O O FUORI DELLA RETE : Differenze, vantaggi e svantaggi

29 Aprile 2019 0 Di nestor

In questo articolo cercherò di spiegare, in modo semplice e didattico, che si tratta di un sistema connesso o esterno alla rete, delle sue differenze, dei suoi vantaggi e svantaggi.

Coloro che hanno familiarità con l’energia solare non avranno problemi a distinguere tra un sistema fotovoltaico esterno alla rete e uno collegato alla rete elettrica.

COLLEGATO OO FUORI DELLA RETE

Tuttavia, per coloro che non hanno ancora esplorato questa alternativa domestica per ottenere elettricità da una fonte pulita, le differenze potrebbero essere meno chiare.

Per dissipare ogni dubbio, vi diciamo in cosa consiste ciascuna di queste opzioni, oltre ai suoi componenti principali e, chiave, i suoi vantaggi e svantaggi.

Sistema solare connesso alla rete o al di fuori della rete: differenze

Il nome stesso di ciascuna di queste opzioni segna chiaramente la differenza fondamentale tra loro: la connessione alla rete elettrica generale o l’  indipendenza della stessa , ma è necessario grattarsi un po ‘di più per comprendere appieno ciò che viene offerto da uno e un’altra alternativa

Il primo, quello fotovoltaico con connessione alla rete elettrica, è il più abituale nelle case e, in un certo senso, il più affidabile, oltre che economico. Tuttavia, i sistemi esterni alla rete offrono un’assoluta indipendenza totale, sebbene richiedano un investimento iniziale più elevato, dovuto alla necessità di disporre di batterie di accumulo di energia per garantire l’approvvigionamento quando il sole non splende.

Sistemi al di fuori della rete: componenti

COLLEGATO OO FUORI DELLA RETE

 

 

 

Con o senza connessione, la verità è che i pannelli per l’acquisizione di energia solare fanno proprio questo, catturarlo, ma non memorizzarlo o convertirlo in corrente alternata adatta ad alimentare le diverse apparecchiature domestiche.

Pertanto, qualsiasi sistema solare domestico richiederà la corrispondente installazione di pannelli che, a loro volta, dovranno essere accompagnati da più componenti. Nel caso specifico dei sistemi esterni alla rete, saranno i seguenti:

  • Batterie per lo stoccaggio di energia : questo è l’elemento chiave di questa modalità (e quella che ne aumenta i costi) in quanto, senza una buona batteria, l’alimentazione elettrica sarebbe compromessa di notte o nei giorni nuvolosi , per mettere un paio di esempi. In questo tipo di sistemi, l’energia catturata dai pannelli va alle batterie che, a loro volta, forniranno l’energia necessaria alle diverse apparecchiature domestiche.
  • Investitore : affinché quanto sopra sia possibile, è necessario che il sistema solare domestico includa un investitore. La sua funzione è semplicemente quella di trasformare la corrente continua proveniente dai pannelli solari in corrente alternata.
  • Sistema di controllo della carica della batteria : questo è un altro elemento essenziale, poiché garantisce che la batteria non subisca sovraccarichi. Quindi, in sostanza, questo ottimizza la gestione dell’energia che accede e che lascia l’attrezzatura per lo stoccaggio domestico.

 

COLLEGATO OO FUORI DELLA RETE

Impianto fotovoltaico con connessione

In contrasto con lo schema precedente, i proprietari che scelgono di incorporare l’energia solare, ma vogliono rimanere connessi alla rete, possono abilitare i loro sistemi con meno componenti. Pertanto, in questo caso sarebbe possibile sfruttare l’energia catturata dal sole solo con il posizionamento dei pannelli e l’incorporazione di un inverter.

In queste alternative, la rete stessa funzionerebbe in modo simile alle batterie: quando veniva prodotta più energia del necessario, l’eccesso veniva deviato verso la rete. Lo schema avrebbe funzionato al contrario in quei momenti in cui c’era un deficit di energia catturato dal sole, come dopo il tramonto.

Punti di confluenza: sistemi ibridi

Poiché ciascuno dei sistemi precedenti ha i suoi pro e contro, ci sono anche alternative ibride per installazioni fotovoltaiche con connessione alla rete, con l’incorporazione di batterie di accumulatori domestici. Questi sono fondamentalmente i seguenti:

  • Sistema ibrido per il cibo. In esso, le batterie formano il nucleo centrale. Pertanto, i pannelli trasferiscono energia a queste apparecchiature e, da lì, passerebbero all’investitore. Questo si collegherebbe con la rete e, anche, con un sistema secondario per la fornitura di energia alle apparecchiature di base della casa, in modo indipendente e, quindi, sicuro in caso di blackout.
  • Sistema di supporto ibrido.  In questo caso, gli investitori interattivi sono il pezzo su cui poggia il sistema. Secondo questo schema, che sarebbe quello seguito   da Powerwall di Tesla, i pannelli sono collegati all’inverter, che converte l’energia e la immette nella rete elettrica. L’inverter verrebbe anche collegato direttamente al sistema di archiviazione e, solitamente, alla gestione della carica e scarica della batteria.

Quale opzione scegliere?

Dipende da molte cose, tra cui l’area in cui si desidera impostare l’installazione, il budget con cui si conta o il fabbisogno energetico, tra molti altri fattori.

L’unico caso in cui la raccomandazione è chiara è quando l’impianto solare deve essere installato in un’area in cui non vi è alcuna connessione alla rete, ad esempio nel caso di una casa isolata. Ora, per questo, l’investimento iniziale sarà maggiore poiché un buon pizzico dei sistemi domestici viene preso dalle batterie per lo stoccaggio di energia.

Pertanto, se vivi in ​​un’area con fornitura, inizia con un sistema connesso, da lì, continua ad esplorare, può essere una buona formula per ridurre il consumo di energia prodotta da fonti inquinanti e, allo stesso tempo, dare una spinta al basso alle tue banconote

Tuttavia, con la situazione attuale del mercato dello stoccaggio di energia, si prevede che i costi di queste apparecchiature saranno abbassati per consentire a molte più persone di essere autosufficienti dal punto di vista energetico.

Potresti essere interessato a un articolo: L’ENERGIA IDRICA